Articolo
Donne vs. Uomini: che colore hanno gli investimenti?
Educazione finanziaria

Le donne sono più caute, gli uomini più trader.

Non è una frase fatta o uno stereotipo, ma la realtà (molto semplificata) dei comportamenti di uomini e donne quando si parla di mercati finanziari.

Così come nella quotidianità, anche quando si tratta di investimenti, i due generi ragionano e agiscono in modo differente, ognuno con i suoi punti di forza e debolezza.

Non si tratta di sessismo, ma di neuroscienze. Già nel 2014 uno studio dell’Università della Pennsylvania si era occupato di analizzare la questione attraverso le risonanze magnetiche di 949 volontari, maschi e femmine di età diverse. I risultati avevano sottolineato come le connessioni neuronali del cervello maschile fossero più attive nel lobo frontale e occipitale (preposti al moto e alla visione), mentre quelle del cervello femminile spaziavano dall’emisfero destro a quello sinistro, più legati all’intuizione e al pensiero logico.

Da qui, le differenze comportamentali, persino finanziarie, che emergono dalle ricerche sul tema. La propensione alla cautela femminile da un lato e l’istinto sperimentatore maschile dall’altro, sono i capisaldi dei due generi a livello di investimenti. Le donne in finanza si percepiscono come più conservative, agiscono in modo prudente e consapevole, preferendo spesso investimenti di lungo periodo. Gli uomini sono inclini al rischio e alla speculazione, facendo leva sul proprio istinto e talvolta sovrastimando le probabilità di successo e sottovalutando i rischi. Spesso si lasciano guidare dall’ottimismo, non sempre procedendo con un’equilibrata pianificazione finanziaria. Le donne hanno una maggiore diffidenza, ma imparando di più dalle emozioni tendono a ricordare gli errori e a godere nel tempo di un’economia di apprendimento.

Anche scendendo nei dettagli rimangono alcune differenze.

L’investimento femminile è più orientato al lungo periodo, a comprare casa, a mettere al sicuro i figli e se esce dalla famiglia si rivolge a settori sociali e sostenibili, con l’obiettivo di creare un impatto positivo e non solo di generare profitto. Inoltre, grazie alla loro cautela, le donne tendono a prestare maggiore attenzione alla diversificazione del portafoglio e a preferire prodotti a basso rischio e a capitale protetto. Anche per questo il mercato azionario resta terreno di caccia maschile. L’uomo compra e vende a breve periodo, punta su titoli borsistici, si informa e segue attivamente il mondo della finanza.

Studi e ricerche, ovviamente, non tengono conto delle competenze dei singoli individui, che possono smentire qualsiasi luogo comune. Resta il fatto che entrambi i generi hanno punti di forza e di debolezza che, se uniti, possono rappresentare una sintesi unica per gli investimenti. La loro collaborazione può infatti costituire un portafoglio molto equilibrato e ben diversificato.

Quando parliamo di scelte finanziarie, non esiste un approccio giusto o sbagliato a priori. Le differenze di genere possono essere il punto di partenza per strutturare una strategia che rispecchi le nostre tendenze, compensando allo stesso tempo le mancanze. La propensione al rischio e la riflessività possono essere sia vantaggi, che “ostacoli”, a seconda della propria strategia.

Una gestione strategica dei propri investimenti è infatti fondamentale per equilibrare le proprie scelte, tenendo conto dell’attuale situazione del mercato; in questo senso, la figura del consulente finanziario può essere di grande aiuto per modellare necessità e soluzioni sulla situazione di ognuno di noi.

I professionisti BPER Banca possono valutare insieme a te ogni scenario possibile, per costruire un portafoglio d’investimento ad hoc che unisca le tue esigenze ai prodotti più adatti per incontrarle.

Se ti è piaciuto questo contenuto e vuoi rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni, iscriviti alla Newsletter.

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo (wealth.bper.it) sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto di BPER Banca. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili, tuttavia BPER Banca non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. BPER Banca non può essere ritenuta responsabile per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione. Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, né come giudizi da parte di BPER Banca sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; BPER Banca non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle.

Aprile 2021

Diversificazione finanziaria
Gestione risparmio
Pianificazione finanziaria
Propensione al rischio
Protezione ricchezza
Richiedi una prima consulenza
VUOI PIÙ INFORMAZIONI?
Richiedi una prima consulenza.
Dove ti trovi?
DOVE TI TROVI?
Scopri quanto siamo vicini.
Iscriviti alla Newsletter

X