Questo sito utilizza cookies tecnici per offrirti la migliore esperienza di navigazione, statistici / analitici anche di terze parti e di profilazione di terze parti. Cliccando su un punto qualsiasi dello schermo, scrollando la pagina o chiudendo questo banner, presti il consenso all’uso di tutti i cookies. Per informazioni e scoprire come negare il consenso al loro utilizzo o come disabilitarli clicca qui. CHIUDI
Pianificare la successione è un argomento solo per ricchi?
Consulenza sul patrimonio

Il tema del passaggio generazionale, in Italia, è da sempre poco affrontato per diverse ragioni, che riguardano in primis il coinvolgimento personale che ne deriva.

Per questo motivo, la pianificazione patrimoniale viene spesso trascurata. L’ambito, inoltre, viene di solito considerato preoccupazione esclusiva delle persone con grandi patrimoni e più possibilità di diversificarli. Ma la faccenda non è solo “questione di zeri”, anzi.

Quella che a prima vista può apparirci come una preoccupazione lontana dal nostro vivere quotidiano, è in realtà una questione che ci riguarda da vicino e che, per certi versi, è strategica per tutti. Non è mai troppo presto per programmare la protezione del proprio futuro e dei propri cari, anche quando si tratta di somme non milionarie.

Il momento storico che stiamo vivendo ci ha insegnato ancora di più come i cambiamenti possono essere rapidi e improvvisi; è fondamentale allora “prepararsi” ad affrontarli nel modo migliore, anche quando si parla di pianificazione patrimoniale e passaggio generazionale.

La pianificazione patrimoniale comprende tutte quelle azioni che servono a decidere le modalità di tutela e trasferimento del patrimonio: un’attività che parte dal desiderio di un individuo di organizzare il proprio patrimonio in vista del passaggio generazionale ed evitare conseguenze indesiderate sui beni e sulle scelte degli eredi.

Oltre a poter decidere a chi e come destinare i propri beni, la pianificazione ti permette di prevenire gli imprevisti, evitare una frammentazione indesiderata del tuo patrimonio e garantire continuità alla tua impresa, se ne hai una; nello stesso modo, puoi evitare situazioni spiacevoli e tutelare i tuoi cari, qualunque sia la tua situazione familiare.

In Italia, infatti, gli articoli del Codice Civile che disciplinano le successioni risalgono al 1942 e non rispecchiano pienamente l’evoluzione della società e della famiglia: convivenze, figli di precedenti unioni, separazioni e divorzi non sono sempre tutelate allo stesso modo dall’ordinamento, nonostante oggi siano situazioni comuni.

Cosa succede nella pratica? Secondo la disciplina della successione, il patrimonio – sia attivo che passivo – del “de cuius” (deceduto) non può rimanere senza titolare. Esso viene trasmesso quindi ad eventuali eredi, i soggetti indicati nel testamento. In caso di mancanza di quest’ultimo entra in gioco la successione legittima, che stabilisce le quote e gli eredi sulla base della normativa vigente e del rapporto di parentela. In entrambi i casi, la legge tutela i diritti dei più stretti congiunti del defunto come coniuge, figli, e (in loro assenza) ascendenti come i genitori e i nonni.

Ci sono delle situazioni che possono presentare dei rischi: per rendersene conto bastano pochi esempi. Immagina il caso di due conviventi senza figli, dove uno dei due ha un fratello con cui non è in buoni rapporti: alla scomparsa del convivente, il patrimonio spetterebbe al fratello di quest’ultimo, a prescindere dal legame effettivo. Un altro caso problematico può essere quello di una famiglia con figli e un mutuo a carico, con solo uno dei due coniugi lavorativamente attivo. Nel caso quest’ultimo venisse a mancare, la famiglia si ritroverebbe con un debito importante e nessuna entrata. O ancora, un figlio piccolo e due genitori consapevoli che potrebbe succedere loro qualcosa in qualsiasi momento: un’imponente somma ereditata in giovane età potrebbe non essere l’idea migliore.

Situazioni del genere non sono rare, ma possono essere risolte a monte con una buona consulenza patrimoniale. Oltre al semplice testamento – che permette di decidere nell’ambito della quota disponibile chi nominare erede e a chi attribuire determinati beni, anche eventualmente soggetti non beneficiari della successione legittima - ci sono infatti alcune soluzioni finanziarie che permettono di gestire casi simili a quelli degli esempi (o più complicati) in anticipo. Tra le più diffuse ci sono le polizze vita e i fondi pensione, entrambe potenzialmente idonee a risolvere i nostri casi.

Le polizze vita ti permettono di designare uno o più beneficiari, anche al di fuori dei soggetti individuati dalla successione legittima. Alla morte dell’assicurato, la polizza attribuisce direttamente la somma ai soggetti beneficiari, sempre nel rispetto delle quote legittime. Inoltre, entro alcuni limiti, queste somme sono anche impignorabili e insequestrabili e sono esenti da imposte di successione.

Esistono poi anche polizze assicurative che prevedono l’estinzione del debito residuo al verificarsi della morte del debitore.

Il fondo pensione invece può essere un modo per unire le tue finalità di risparmio all’obiettivo della protezione. Stipulando un fondo pensione, si può infatti scegliere un beneficiario alternativo (come i propri figli) che avrà poi a disposizione un investimento con fiscalità privilegiata, utilizzabile solo in casi di necessità prestabiliti dalla legge, come l’acquisto della prima casa o le spese mediche o la perdita del lavoro; nel frattempo, chi l’ha stipulato ha la possibilità di dedurre dalla propria Irpef i contributi versati (fino a un massimo di 5.164,57 euro annui).

Come abbiamo visto, la tutela del patrimonio rappresenta un aspetto importante della vita e merita tutta l’attenzione necessaria oltre a un affiancamento responsabile, per preparare al meglio il futuro dopo di noi a favore dei nostri cari. Ogni situazione deve essere valutata nella sua specificità: ad esempio, un patrimonio costituito principalmente da beni immobili potrebbe richiedere un’attenzione diversa rispetto ad un altro in cui la liquidità costituisce la parte più importante.

I consulenti BPER Banca possono aiutarti a valutare ogni possibilità e perplessità, offrendoti l’opportunità di conoscere i diversi strumenti di pianificazione esistenti e trovando la combinazione più adeguata alle tue esigenze individuali, qualunque esse siano per il futuro dei tuoi cari.

 

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Se ti è piaciuto questo contenuto e vuoi rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni, iscriviti alla Newsletter.

Assicurazioni
Diversificazione finanziaria
Pianificazione patrimoniale
Successione legittima
Testamento
Tutela patrimonio
Richiedi una prima consulenza
VUOI PIÙ INFORMAZIONI?
Richiedi una prima consulenza.
Dove ti trovi?
DOVE TI TROVI?
Scopri quanto siamo vicini.
Iscriviti alla Newsletter

X